HYPE & STYLE NEWS RECENSIONI

Subsonica: Microchip Temporale [RECENSIONE]

Artista: Subsonica
Disco: Microchip Temporale
Titolo: Microchip Temporale: tornano i Subsonica. Gli anni passano ma le emozioni restano.

Recensione: Inutile girarci attorno, i Subsonica hanno fatto centro. Microchip Temporale è il disco di una band che in questi vent’anni è cresciuta e che guarda al passato come un’opportunità per costruire il futuro. Con occhio attento e gusto il quintetto di Torino seleziona una parterre di artisti chiamati a svolgere il difficile compito di rielaborare i brani di Microchip Emozionale, un disco che ancora oggi non ha eguali. Un vero e proprio disco-manifesto con brani densi di significato, capaci di raccontare una generazione e una città. Sì perché in Microchip Emozionale c’era Torino. La Torino grigia era in realtà in pieno fermento e riusciva finalmente a uscire dai suoi confini e a finire in radio, in tv, nei palazzetti, su Mtv e a far ballare le persone su un ritmo in 7/8. Gli anni sono passati ma quelle canzoni hanno superato la prova del tempo tanto da riuscire a raccontare ancora oggi un mondo e una società diversi. Per farlo i “Sonici” si sono fatti affiancare da artisti giovani che quel fermento lo portano dentro e che lo sanno comprendere e interpretare.

Dalle rime di Willie Peyote a quelle di ComaCose, passando per la raffinata eleganza di Elisa, l’intimismo di Motta, l’attitudine festosa de Lo Stato Sociale, l’estro sperimentale di Cosmo, lo stile onirico dei FASK, l’aplomb di Myss Keta, solo per citarne alcuni, i 14 brani del disco scorrono e rivivono, arricchiti di nuovi significati attuali dimostrando ancora che la grande musica è capace di travalicare il suo tempo.

Recensione: Marco Zuppa | Foto di Copertina: Corrado Iorfida