NEWS RECENSIONI

Cremonini, “La Ragazza del futuro”: un mondo sensibile da esplorare

“Ho bisogno di qualcuno che mi indichi la strada. La ragazza del futuro è una stella ubriaca che sta a penzoloni sopra al muro dei messicani, che si aggiusta il vento tra i capelli con le mani. Ha gli occhi di chi ha fatto viaggi straordinari”. Si inaugura con queste parole “La Ragazza del futuro”, il nuovo album di Cesare Cremonini.

Il nuovo lavoro dell’artista bolognese, settimo del suo repertorio, nasce a 5 anni di distanza da “Possibili scenari” e rappresenta una vera e propria rivoluzione del pensiero musicale dell’ex Lunapop. Il disco, infatti, attraverso le sue 14 tracce ci trasporta verso un mondo del tutto nuovo, da esplorare: uno scenario diverso da quelli cui siamo abituati a vivere attraverso la musica proposta da Cremonini.

L’incipit è dato proprio dall’opening track che dà il titolo all’album, “La Ragazza del futuro”, anticipata da una intro strumentale: il brano presenta un dialogo immaginario tra Cesare e il futuro, un tempo da conoscere, da assaporare e soprattutto ricco di sorprese. Traccia dopo traccia, con l’inconfondibile timbro e le ballate spinte dalla linee di basso suggestive, Cremonini descrive un mondo pieno di sensibilità attraverso la sensibilità.

L’atmosfera che viene ricreata cattura a pieno l’ascoltatore, trasportandolo in una fiumana di suoni e colori energici che trovano la loro valvola di sfogo direttamente nell’animo umano. Ecco che Cesare torna, ancora una volta, a raccontare il suo mondo trasmettendo tutte le sue emozioni a profusione, complici due grandi fattori: i diversi generi musicali cui il bolognese trae ispirazione e l’orchestra che, a tratti, è presente nelle varie tracce che compongono l’album.

La tracklist de “La Ragazza del futuro”

  1. Intro
  2. La Ragazza del Futuro
  3. Colibrì
  4. MoonWalk
  5. Interlude +
  6. La Fine del Mondo
  7. Chimica
  8. La Camicia
  9. Interlude –
  10. Stand up Comedy
  11. Jeky
  12. Psyco
  13. Delfini
  14. Chiamala Felicità