NEWS

“Looking for a leader”, il brano anti Trump scritto da Neil Young

Neil Young, artista canadese si scaglia contro il Presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump, con una canzone dal sapore forte e amaro. La politica del presidente, attiva dal 2016, anno di insediamento alla White House dopo aver ottenuto la maggioranza sulla rivale Hillary Clinton, è oggetto di critiche, soprattutto musicali, da parte di molti cantautori americani che non vedono di buon auspicio l’operato di Trump.

Tra questi c’è proprio Neil Young che, con i versi del brano Looking For A Leader, attacca l’attuale Presidente in carica a seguito di un evento alquanto bizzarro e spiacevole nei confronti del cantante stesso. Sembra infatti che Trump abbia utilizzato i versi di un altro suo brano, Rockin’ In The Free World, inserendoli in un suoi comizi senza il consenso di Young.

Il brano che muove la critica, contnenuto nell’album del 2006 Living With War, è stato riadattato in una versione del tutto nuova per palesare in maniera del tutto esplicita e chiara il disprezzo verso la nota figura politica. “Neiuilding walls around our house / who don’t know Black Lives Matter / and it’s time to vote him out!”, scrive il cantante di Toronto, che tradotto significa: “Non abbiamo bisogno di un leader / che costruisce muri intorno alle nostre case / che non conosce Black Lives Matter / è ora di mandarlo a casa”.

Proprio così, “mandarlo a casa” recita nel brano con l’augurio e la speranza che alle prossime elezioni possa esserci un degno successore alla presidenza che possa governare l’America in modo del tutto diverso.