NEWS RECENSIONI

LNDFK rompe il silenzio rievocando la fragilità: fuori “Kuni”

Linda Feki, in arte LNDFK, producer e artista italo-araba, esordisce con il suo primo album in carriera: “Kuni”. Figlia di madre italiana e padre arabo, la cantante partenopea riesce a unire le influenze jazz al neo-soul e all’hip-hop comunicando attraverso la musica le esperienze vissute e tutta la sua personalità.

La cantautrice italiana presenta un vero e proprio concept album che, fin dalla prima traccia, trascina l’ascoltatore in un’atmosfera suggestiva densa di sensibilità e dolcezza, caratteristiche che contraddistinguono pienamente Linda. Già nel 2016 la giovane artista aveva inciso un EP con la collaborazione di Dario Bass mostrando già l’innata capacità di mixare generi musicali diversi che si concretizzano in maniera quasi d’effetto in questo primo album.

Il viaggio musicale che si percorre ascoltando il disco, traccia dopo traccia, rievoca un sound – a detta della stessa Linda – ibrido: un insieme di armonie jazz e suoni creativi intensificati dalla voce di LNDFK e dal suo inconfondibile effetto “respirato” finalizzato ad incalzare ulteriormente il ritmo.

E se la chiave di lettura richiama alla sensibilità e la fragilità che viene fuori dall’unione di generi, la traccia finale non poteva che sintetizzarne tutta l’anima musicale. Linda, difatti, decide di concludere il viaggio sonoro con un pezzo ispirato ad una poesia del poeta, ed ex membro della Camera dei deputati d’Italia, Edoardo Sanguineti: “se mi stacco da te, mi strappo tutto:”.

Di seguito la tracklist di “Kuni”.

  1. Hana-bi
  2. Takeshi
  3. Smoke – A moon or a button
  4. Don’t Know I’m Dead or Not (ft. Chester Watson)
  5. Om
  6. Hana-bi (ft. Asa-Chang)
  7. Ku
  8. Ktm (ft. jason Lindner)
  9. How Do We Know We’re Alive (ft. Pink Siifu)
  10. se mi stacco da te, mi strappo tutto: