Generation HYPE & STYLE NEWS

Levante mette in pausa il tour estivo 2020: “Non è fattibile per me restituire al pubblico uno spettacolo nemmeno lontanamente all’altezza di ciò di cui siamo capaci”.

Claudia Lagona – in arte Levante – rinuncia volontariamente ad esibirsi durante le date programmate nel 2020, rimandando gli appuntamenti al prossimo anno. La decisione, tanto dura quanto struggente, è stata decretata contro le intenzioni dell’agenzia della solista catanese, decisa per l’appunto ad andare avanti e concludere il ciclo del tour nel rispetto delle norme imposte dal governo.

Dopo una lunga riflessione, Levante ha deciso di fare qualche passo indietro per il bene comune giustificando le sue scelte in un lungo post pubblicato sui social: “La sensazione al momento -scrive la cantante di Caltagirone – parrebbe quella di navigare a vista. Per il tour europeo, e per quello italiano, prima che la vita facesse quello che sa fare meglio, ovvero sorprenderci (tristemente questa volta), avevamo pensato a un live muscolare, diverso dagli anfiteatri del 2019, un live in cui il coinvolgimento fisico di ogni spettatore presente fosse uno dei due elementi principali. Per la sicurezza di tutti questa ipotesi non è fattibile. Non è fattibile per me salire su un palco con il timore di poter, riunendo tante persone (con un limite numerico da spezzare il cuore), mettere in pericolo la salute di qualcuno. Non è fattibile per me restituire al pubblico uno spettacolo nemmeno lontanamente all’altezza di ciò di cui siamo capaci. È grande il riguardo che ho per chi arriva sotto palco. Oggi, come sempre, vincono l’anima e la determinazione personali e, parlando con tutta la band, si è deciso di non salire sul palco a tutti i costi. E ci costa (!!!), sotto ogni punto di vista, rinunciare alle date dell’estate 2020 ma nessuno di noi ha intenzione di scendere al compromesso di uno spettacolo diverso, in cui dal palco, alla ricerca di un sorriso dietro ai volti mascherati siti a un metro di distanza tra loro, forzatamente si tenta un contatto impossibile”.