NEWS RECENSIONI

L’ermetismo in musica di Rancore: fuori “Xenoverso”

Rancore, pseudonimo di Tarek Iurcichha pubblicato il suo terzo album in studio: “Xenoverso”. A quattro anni di distanza da “Musica per bambini” il rapper italiano classe ’89 realizza un nuovo lavoro discografico che, grazie alle sonorità di cui gode, si conforma ad una linea prettamente ermetica.

Il rapper originario di Roma, con grande maestria e talento, è riuscito a creare un prodotto che oltre a catturare l’orecchio dell’ascoltatore riesce a trasportarlo in un universo immaginario ricreato grazie alla connessione tra i 17 brani che compongono il disco. Da ciò ne nasce inevitabilmente un confronto diretto tra l’artista stesso e l’ascoltatore, instaurato proprio dai suoni e dalla melodia delle singole tracce.

Un confronto che si materializza sotto una veste ermetica, proprio come è stato definito l’intero album di Rancore. Dall’inizio alla fine l’attenzione è posta su una realtà filosofica comprensibile dalla concentrazione mentale. Tuttavia, nonostante l’impegno richiesto per estrapolare il significato del disco, la melodia rende fluido l’ascolto facendo in modo che le sonorità siano apprezzate e coinvolgenti al punto giusto.

La tracklist di “Xenoverso”

  1. Ombra
  2. Freccia
  3. Federico
  4. Guardie&Ladri (ft. Nayt)
  5. Cronosurfisti
  6. Lontano 2036
  7. X Agosto 2048
  8. Arakno 2100
  9. Guerra dei Versi
  10. Le Rime
  11. Fantasia
  12. Ignoranze Funebri
  13. Eden
  14. Equatore (ft. Margherita Vicario)
  15. Xenoverso
  16. Questa cosa che io ho scritto mi piace
  17. Io non sono io