GALLERY Mairo Cinquetti NEWS

Lagwagon al Live Club di Trezzo sull’Adda (Gallery)

Pioneri del punk rock, trent’anni di carriera e di pietre miliari che li hanno consacrati nella hall of fame del genere: i Lagwagon arrivano al Live Club di Trezzo sull’Adda per un tour da headliner per presentare il loro nuovissimo album “Railer”, nona pubblicazione in studio e uscito come sempre per Fat Wreck, oramai un binomio inossidabile.

C’è grande attesa per questo tour, il primo da headliner dal 2015, perché diciamocelo: passano gli anni, passano gli ascolti, ma i Lagwagon dal vivo sono una di quelle band che gasano sempre e che non puoi fare a meno di vedere. Joey Cape ormai da qualche anno soffre di un problema alla voce, causa un mix tra età, vizi e problema alle corde vocali, ed ogni show è sempre un’incognita su come canterà. Di sicuro non come una volta, è innegabile, ma la qualità e la grinta non mancano assolutamente e tanto basta ai fan.

La serata ha tutti gli elementi per un ottimo risultato. La voce di Joey è sorprendentemente ottima, regge benissimo per quasi tutto il concerto nonostante i noti problemi che lo affliggono. Il Live Club è decisamente pieno per essere un martedì sera dal gusto punk rock, e il pubblico risponde come sempre alla grande quando si parla dei Lagwagon. La scaletta varia tra pezzi del nuovo disco “Railer” tra cui “Surviving California”, “Bubble”, “Parable”, e grandi classici come “Change Despair”, “Razorburn”, “Heartbreaking Music”, “Making Friends” e l’immancabile “May 16”.

La band è una macchina sul palco, anche se rispetto ad altri concerti c’è stata un po’ meno interazione tra di loro, che sembravano quasi diretti verso l’obiettivo senza voler strafare.

Il risultato è che i Lagwagon, nonostante i quasi 30 anni di carriera e l’aver già dato tutto alla storia del genere, sono ancora capaci di far volare i fan, di esaltarli e di unirli come poche band sanno ancora fare.

Foto: Mairo Cinquetti