HYPE & STYLE NEWS

I BTS si sono presi l’Occidente

Il successo della boyband sudcoreana sembra continuare a crescere sempre di più, tra tour mondiali e record infranti

Tre dischi di fila in testa alle classifiche nel 2019, due tour mondiali conclusi ed un altro alle porte, l’amore incondizionato dei fan di ogni parte del globo e un successo che, a partire dalla loro ribalta in campo internazionale nel biennio 2017/2018, aumenta sempre di più; stiamo parlando dei BTS, gruppo k-pop formatosi all’inizio del decennio appena trascorso. Mai prima di oggi, se si esclude il fenomeno virale di Gangnam Style, degli artisti provenienti dalla lontana Corea del Sud avevano avuto un impatto così devastante sul panorama della musica occidentale; certo, il k-pop è un genere che ormai attira sempre più ascoltatori, soprattutto tra le fasce più giovani di pubblico, ma ciò che i BTS, acronimo di Bangtan Sonyeondan (letteralmente “boy scout antiproiettili”) hanno raggiunto in questi ultimi due anni in termini di ascolti ha dell’immaginabile.

Negli ultimi due anni sono stati, come detto, due i tour mondiali che hanno fatto registrare un numero sempre maggiori di paganti, tanto che molte delle date del tour del 2019 sono state raddoppiate per poter accontentare i fan che volevano vedere dal vivo i loro beniamini; ciò ha portato il gruppo ad essere il primo complesso proveniente dall’estremo oriente a registrare non solo un concerto, ma anche un sold out a Wembley. Inoltre, il settetto sudcoreano nel corso degli ultimi due anni è stato ospite del Saturday Night Live e primo gruppo asiatico presente ai Grammy Awards, dove si sono esibiti in un riadattamento di Old Town Road di Lis Nas X nel gennaio di quest’anno.

Per quel che riguarda le vendite, dopo aver infranto ogni record in patria ed in Oriente, il gruppo si è imposto in maniera sorprendente anche in Europa e negli Stati Uniti, raggiungendo la vetta della classifica di Billboard per ben tre volte di fila nel corso dello stesso anno, il 2019, diventando il primo gruppo a piazzare tre album in vetta alle classifiche in meno di un anno dai tempi dei remastered dei Beatles nel biennio 1995/1996. Ad aprile di quest’anno i BTS inizieranno un nuovo tour mondiale, con tappe negli Stati Uniti ed in Canada, Regno Unito, Germania e Spagna, dopo aver pubblicato a febbraio Map Of The Soul: Persona, disco che ha ampiamente trovato il favore della critica accompagnato dal singolo On, che nel giro di quattro giorni ha già superato le 66 milioni di views.

Insomma, i BTS sono ormai un fenomeno di massa, che non riguarda più soltanto l’estremo oriente ma trova consensi anche in Europa e nel continente americano, come mai nessun artista orientale aveva trovato, nonostante la diffusione del k-pop.

Christian Settecerze