Interviste News

Tommaso Caronna: “il mio concept album fuori dal music business”

Abbiamo incontrato Tommaso Caronna, tecnico del suono e produttore musicale. Una piacevole chiacchierata, dove ci ha parlato del suo nuovo album “Bozze di un sincero presente” e del proprio universo musicale, lontano dai canoni precostituiti del music business:

– Tommaso, parlaci del tuo nuovo album…

“Non più avessi idoli che non fossi io” dico in “Altre stelle”. Il tema dell’album è tutto lì. Volevo dare rilevanza al mio modo di scrivere. Potrei definirlo ermetico con una spudoratezza di cui già mi vergogno, manco fossi De Gregori. Parlare dell’album vuol dire parlare di quell’uomo lì, quell’oppressione esistenziale di chi si chiude in sé credendo così di poter respingere la desolazione, ma non può farlo senza una guida. La “stella” è il lume. È femmina, è madre, è donna, perché “visto quello che” l’uomo “combina tutti i giorni contro lei”, va protetta, difesa, cantata prima che la fiammella si spenga. Per quanto il mondo sia vuoto, freddo, l’azione di una coscienza e di una morale contro il nulla è possibile ma non lavora in pompa magna con fiati e archi: la vita vera è aspra e ci vogliono anni, se bastano, per ottenere quello che manca. “Se fosse giusto non avere quello che vorrei / in ogni istante me lo immaginerei”. Quantomeno ci può essere poesia nel figurarselo.

La produzione sonora dell’album, sposa il concept nella sua interezza con un suono che è tutto tranne patinato e glorioso.

tommaso_caronna

– La tua è un’espressione “difficile”, fuori dai canoni dell’attuale music business, nonostante questo abbiamo notato che sei riuscito a catturare l’attenzione del web, e dei magazine di settore.
Come valuti questo interesse nei tuoi confronti, verso la tua opera?

L’inclusione nel mio percorso musicale della forma canzone rappresenta un compimento a cui, come autore, miro da cinque anni a questa parte. Ero stanco di essere considerato solo un produttore discografico e cinematografico con un disco personale di musica strumentale all’attivo.
Sentivo la necessità di buttare fuori qualcosa di più vicino a un racconto che con i brani strumentali non riuscivo a tirar fuori completamente. Il fatto che questa prima unità narrativa, musica e parole frutto di una scelta autoriale specifica attorno a cui ruota tutto l’album, abbia creato un apparato di produzione, ovvero qualcosa che coinvolge non solo me ma anche gli altri (industria discografica, distribuzione, web, blog, magazine, radio) e sia stato accettato e considerato più di tanti miei lavori precedenti, è una cosa di cui mi sorprendo e fa riflettere. Penso che il vuoto da cui siamo circondati, anche musicale, contribuisca comunque a ricercare, in chi l’ha capito, una fuga da uno stato di cose così piatto.

– In considerazione di questo, secondo te, c’è ancora spazio nell’universo musicale per qualcosa di diverso?

Non faccio parte di una scena, perché chi ne sposa gli ideali continuerà ad essere come qualcun altro senza uno stile vero che matura nel tempo. Questa mentalità, che non ti spinge più in là di una sala prove o al massimo ti porta a fare demo su demo senza fare mai un disco, l’ho sempre trovata limitata e controproducente. Io faccio dischi, ho sempre voluto fare dischi e continuo a fare dischi. La perseveranza sblocca il proprio mondo creativo. Se lo porti a galla e non lo molli, anche se tutti inizialmente ti ignorano, allora puoi permetterti di riflettere con calma su quello che musicalmente diventerai. Imporsi capillarmente su un mondo commerciale con qualcosa che non lo è, è una guerra persa secondo me. Ma si può vincere qualche battaglia e credere ciecamente nella propria comfort zone. Da questo punto di vista, penso ci sia una nicchia per tutti.

– Sei erede del passato? O frutto di una visione sul futuro?

Sono sempre stato proiettato in avanti, ma la malinconia nel mio lavoro è una costante così come la bellezza dei ricordi.

– … Prossime tappe…

Un nuovo album di canzoni, sicuramente, ma chi ama le mie sperimentazioni strumentali più crude non resterà deluso.

Autore

Qube Music

Qube Music

La WEBZINE dedicata alla MUSICA, frutto di sinergie tra editori, giornalisti del settore discografico, media e radio, che propone servizi punto di riferimento per la diffusione di contenuti musicali.