News Recensioni

The Soft Moon: Criminal

The Soft Moon – Criminal (2018)

Luis Vasquez, impegnato nel progetto solista The Soft Moon dal 2010, torna col suo quarto LP in studio.

Dopo il feroce e complesso Deeper (2015), Criminal (2018) si afferma come una vera e propria confessione: un lavoro autobiografico, in cui l’artista comunica il proprio senso di colpa, il dolore causato da un’infanzia difficile.

L’album è aperto da “Burn” che, insieme a “Like a father”,  si presenta ricca di accenti noise e dark wave anni ’80, scandita da un ritmo ripetitivo, esasperante e senza via d’uscita. “Choke” è spostata verso un sound electro-industrial e affronta questioni dure, del vissuto personale dell’artista.

Tra melodie martellanti, spiccano anche oscure composizioni ambient come “Give Me Something” e la conclusiva title-track “Criminal”. Infatti, anche se nel complesso si respira un’atmosfera violenta, cruda e poco raccomandabile, Criminal potrebbe intrigare e catturare un pubblico spesso digiuno da certe sonorità.

I temi delicati e che mettono in luce grandi fragilità sembrano apparentemente scontrarsi con le sonorità algide e meccaniche dei brani: in realtà ogni traccia è un grido d’aiuto che trova la forza per affermarsi servendosi di queste.

La debolezza non supera mai la consapevolezza raggiunta dall’artista: “It’s the way I cross the line, it’s the way I open, it’s the way to my decline, it’s the way I’m broken”.

Chiara Picciano

Autore

Qube Music

Qube Music

La WEBZINE dedicata alla MUSICA, frutto di sinergie tra editori, giornalisti del settore discografico, media e radio, che propone servizi punto di riferimento per la diffusione di contenuti musicali.