Generation NEWS RECENSIONI

La Distanza Della Luna

Un disco dalle atmosfere oniriche e trascinanti, che rifugge qualsivoglia accostamento attuale e passato

DISCO: LA DISTANZA DELLA LUNA
BAND: LA DISTANZA DELLA LUNA
LABEL: BASSA FEDELTA’
ANNO: 2015

“La distanza della luna” è il disco d’esordio del progetto omonimo del quartetto che vede Denise Fagiolo alla voce, Annalisa baldi alle chitarre, Cristiana Della Vecchia alle tastiere e Alessio Sbarzella alla batteria.

Realizzato anche grazie ad una campagna su Musicraiser di notevole successo, il disco in questione si fregia della produzione artistica di una delle personalità più sensibili, rivoluzionarie e influenti del cosiddetto “alternative rock” italiano, Paolo Benvegnù, nonché delle collaborazioni con alcuni fra i musicisti più attivi e poliedrici del panorama giovanile attuale, da Andrea Ruggiero al violino, a Angelo Maria Santisi al violoncello, a Luciano Turella alla viola.

Un concept album sullo Spazio e la Luna, materie e concetti che fin dai tempi dell’ottocentesco Leopardi hanno attirato le curiosità e i quesiti dei più grandi scienziati e letterati, ed ancora oggi l’arte tutta si lascia affascinare dal mistero di questi attraenti argomenti. L’eterea e cristallina voce della Fagiolo quindi mette in musica nove pezzi scritti in un italiano affascinante e lineare, coadiuvati da sonorità squisitamente trasversali, che vedono a servizio chitarre rockeggianti quanto basta, distorsioni elegantemente calibrate da un sound che mira a vestirsi anche di un ritmo pop e trascinante mai scontato, dalle tonalità a tratti orientaleggianti, oniriche, senza dubbio originali ed autentiche.

Un vero e proprio viaggio extra – sensoriale all’insegna di una musica che piacevolmente rifugge accostamenti precisi attuali o passati, perché fortemente caratterizzante e sui generis. Si segnalano in particolare i brani: L’Ombra delle stelle, Lo Sguardo, Frammenti Siderali, Lo Spazio Curvo.

Francesca Amodio