News

Perchè Mike Portnoy ha lasciato i Dream Theater

Portnoy abbandonò la band perchè non era più felice

L’abbandono di Mike Portnoy è stato un duro colpo per gli ammiratori dei Dream Theater, dopo 25 anni di militanza la band perdeva un grande artista, rimpiazzato in seguito da Mike Mangini.

Ora Portnoy ha rivelato in un’intervista con Josh Rundquist le sensazioni provate sei anni fa, nel 2010, a lasciare la band da lui fondata nel 1985 insieme a John Petrucci e John Myung: “Ho sentito il bisogno di fare quello che ho fatto perché non potevo vivere chiedendomi ‘Come sarebbe stato se…?’. Non volevo rimpiangere ciò che sarebbe potuto succedere solo perché ero troppo spaventato per tentare il salto nel buio. Così ho dovuto farlo. E credetemi, tutti ne sono rimasti scioccati e feriti, ma nessuno ne è rimasto più ferito di me”.

Indubbiamente una delle decisioni più sofferte per il batterista: “È stata la decisione più difficile che abbia mai preso, ma sono stati 25 anni di sangue, sudore e lacrime. Per 25 anni ho vissuto 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per quella band e per i miei fan. Quindi non è stato come abbandonare una nave dopo qualche settimana, sono stati 25 anni – il triplo di quanto siano durate le carriere di Beatles e Led Zeppelin. Moltissimo tempo, quindi, e ci sarà per sempre un’eredità di ciò che ho creato nei Dream Theater e ci saranno per sempre dei fan che lo apprezzeranno. Ma avevo bisogno di esplorare cose nuove per sentirmi felice e realizzato”.

Ma una scelta dettata dal sentimento per perseguire la felicità: “Ho sempre seguito il mio cuore. Non ho mai seguito né il portafogli né la testa. La mia testa probabilmente mi avrebbe detto: ‘Be’, la cosa più razionale da fare è restare a bordo fino alla fine dei tuoi giorni, essere a posto economicamente e avere il tuo pubblico. Puoi suonare negli stessi posti per il resto della tua vita’. Era la strada più sicura. Ma avevo bisogno di seguire il mio cuore e non l’ho fatto solo sei anni fa. Tutte le mie decisioni le ho prese inseguendo ciò che mi faceva felice. Se non sei felice, non vale la pena fare nulla”.

 

Sabrina Spagnoli

Autore

Sabrina Spagnoli

Sabrina Spagnoli