News

Musica live: la Siae pronta ad andare incontro ai giovani musicisti

A Firenze, un incontro che potrebbe cambiare il volto della musica live in Italia

Il discorso SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori – tocca un nervo scoperto nel mondo della musica, specie per chi della musica ne fa un mestiere.

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella e il consigliere per i grandi eventi Stefano Boeri, hanno abbracciato la causa della battaglia per la semplificazione burocratica dei piccoli concerti con la campagna con l’hashtag #piùmusicalive, ideata da Manuel Agnelli, frontman degli Afterhours.

Al tavolo dei sindaci di Comuni di ogni parte d’Italia che si è riunito al Palazzo Vecchio, si è riusciti a convincere la SIAE a cedere su alcune posizioni storicamente considerate ingiuste dagli addetti ai lavori. Stando a quanto annunciato da Gaetano Blandini, il direttore generale della Società Italiana degli Autori ed Editori, ci sarebbe un che potrebbe segnare un cambiamento epocale: ridisegnare in modo più equo la partizione degli introiti dei diritti d’autore, non far pagare la quota di iscrizione agli under 30 e scontare dal 30 al 50% la tassa che gli esercenti devono versare alla SIAE in caso di esibizione di giovani musicisti che eseguono musica propria.

Blandini ha dichiarato: Siamo pronti al cambiamento e siamo pronti ad aiutare i giovani rivedendo in senso lineare e non più progressivo la ripartizione e a toglierci di tasca una parte dei proventi attraverso sconti per chi fa esibire giovani artisti, per aiutare i gestori e i comuni che organizzano concerti, chiedendo però a questi di contribuire ed investire.

La dichiarazione è stata fatta in occasione del lancio ufficiale dell’iniziativa legata alla semplificazione dei concerti di musica live nei piccoli club. La semplificazione fatta, essendo relativa solo a ciò che riguarda i Comuni, rappresenta per ora una piccola parte della soluzione del problema alla crisi della musica dal vivo, ma ora che la SIAE si è detta favorevole a partecipare, potrebbe essere segnata la svolta.

Nardella, sulla sua pagina Facebook, ha dichiarato: “Parte da Firenze l’iniziativa legata alla semplificazione dei concerti di musica dal vivo nei piccoli locali. Abbiamo applicato per primi la nuova norma nazionale di snellimento della burocrazia attraverso un procedimento semplicissimo: chiunque voglia organizzare un evento di musica live sotto le 200 persone può collegarsi su Internet allo sportello unico on-line del Comune di Firenze per una dichiarazione di inizio attività. Non c’è, quindi, più bisogno di nessuna autorizzazione. Partendo da Firenze, d’accordo anche con la SIAE, continueremo su questo percorso di semplificazione amministrativa. Da un lato il rispetto delle regole, dall’altro però regole più semplici per aiutare i giovani artisti e gli organizzatori di eventi live in un settore che è in crisi e che ha bisogno di un grande supporto”.

Autore

Qube Music

Qube Music

La WEBZINE dedicata alla MUSICA, frutto di sinergie tra editori, giornalisti del settore discografico, media e radio, che propone servizi punto di riferimento per la diffusione di contenuti musicali.