Giusy Chiumenti Live Report News Villa Ada

Marta sui Tubi & Cristina Donà. insieme sul palco di Villa Ada per una collaborazione inedita

Delicata e dotata di una presenza scenica alla Patti Smith, Cristina Donà. Divertenti, folli e talentuosi, i Marta Sui Tubi

Ieri è stata una serata speciale a Villa Ada: a calcare il palco della kermesse erano, per la prima volta insieme, la poliedrica band dei Marta Sui Tubi e Cristina Donà, una delle maggiori cantautrici della scena rock italiana.

Ad aprire le danze è stata la carismatica artista lombarda. Delicata e dotata di una presenza scenica alla Patti Smith, Cristina Donà riesce a creare un’atmosfera intima con il suo pubblico anche in uno spazio aperto come Villa Ada. Brani dai testi introspettivi si sono felicemente alternati ad altri più leggeri, ma mai banali. La cantautrice del resto ha alle spalle una carriera ventennale e può spaziare in un repertorio ricco e variegato. Memorabile l’esecuzione della romantica “Stelle Buone”, estratta dal debut album del 1997, oppure, “Goccia” per la quale viene momentaneamente abbandonata la chitarra elettrica in favore dell’acustica.

Una menzione a parte merita il primo duetto della Donà con Giovanni Gulino in “Universo”. Un’interpretazione davvero bellissima e profondamente sentita da entrambi i cantanti, in grado di far vibrare le corde dell’anima dell’ascoltatore. Speriamo che presto decidano d’inciderlo!

È stata poi la volta dei Marta Sui Tubi, che ci hanno immediatamente dato la carica con “Muscoli E Dei”, a cui è seguita “L’Abbandono” dall’album del 2005 “C’è Gente Che Deve Dormire” e l’esplosiva “Cinestetica” sulle note della quale è stato obbligatorio danzare. L’acustica “La Spesa” ci da qualche minuto per riprenderci e prepararci ad essere investiti dalla possente ritmica de “L’unica cosa”. Il trio è in splendida forma. Veloci ed agili trasmettono una gioiosa sensazione di libertà.

Con “31 Lune” rientra in scena Cristina Donà, insieme alla quale la band ha inoltre omaggiato i Pixies reinterpretando “Where Is My Mind?”. Immancabile nei live show dei Marta arriva la hit “Di Vino”, seguita dal velocissimo – ed irripetibile per i più – scioglilingua de “Il Giorno Del Mio Compleanno”. La serata si chiude infine con “Vecchi Difetti” e “Post”, entrambi tratti dal loro primo disco – “Muscoli E Dei” – ristampato nel marzo scorso dopo essere rimasto esaurito per diversi anni.

Divertenti, folli e talentuosi, i Marta Sui Tubi – senza porsi alcun limite di genere – riescono ad immettere, da una decina d’anni a questa parte, nuova linfa vitale nella musica leggera italiana; così, le loro performance dal vivo hanno il potere di rinvigorire ed emozionare chi vi assiste. L’inedita collaborazione con Cristina Donà ha inoltre aggiunto al concerto di ieri sera quel tocco di classe in più che solo una rocker come lei poteva dargli.

Laura Di Francesco | Foto: Giusy Chiumenti

Autore

Laura Di Francesco

Laura Di Francesco

Classe 1984. Manifesta precocemente la passione per ogni tipo di manifestazione artistica, prima tra tutte, la musica. Nel 2003 consegue il diploma di scuola media superiore in grafica pubblicitaria. Successivamente si iscrive alla Facoltà di Lettere all’Università degli Studi Roma Tre, laureandosi con il massimo dei voti. Attualmente lavora presso uno studio amministrativo e frequenta il corso di laurea magistrale in Italianistica. Unendo l’amore per il Rock e quello per la scrittura apre un blog «La filologa del Rock ‘n’ Roll» ed inizia a collaborare con la webzine «Nerds Attack!». Donna dinamica e dotata di un’inesauribile curiosità, viaggia spesso per assistere a concerti e festival. Il suo più grande sogno ed obiettivo è quello di fare della critica musicale il lavoro della sua vita.