Live Report

Luca Carboni: Il Pop Up Tour sbarca a Torino

Luca Carboni o lo si ama o gli si è indifferenti: essergli indifferenti è un peccato, poiché Carboni è, obiettivamente, un bravo cantautore, ma anche e, forse, soprattutto perché è uno dei pochi che riesce ancora oggi a cantare in maniera autentica e veritiera l’amore. Chi lo segue ne ama la riservatezza, la timidezza, la ritrosia, l’essenzialità, la malinconia, caratteristiche personali che Luca porta con sé sul palco e che rendono il suo show più prezioso, specialmente in questi tempi di live poveri di musica e ricchi di effetti speciali, costumi di scena epici e performance danzerecce.

Luca Carboni - Napoli (17)

Luca e la sua band (che vanta degli ottimi chitarristi) si presentano sul palco puntuali, con indosso un camice bianco munito di cappuccio e occhiali da sole fluorescenti, in un’atmosfera che rimanda vagamente a Star Wars.

Happy è il brano scelto dal cantautore bolognese per dar via a un concerto che si sussegue senza intoppi per circa due ore, in un clima festoso e rilassato, davanti a un pubblico che non manca di mostrare al suo idolo tutto l’affetto e il calore che lo animano.

Agli acclamatissimi successi più recenti, come Luca lo stesso e Bologna è una regola, si affiancano quelli del passato, Farfallina, Mare mare, Ci vuole un fisico bestiale, Silvia lo sai solo per citarne alcuni, ma anche Il mio cuore fa ciock! (riadattata in versione elettro-dance dal dj italiano Squalo Iaco, col quale Carboni fa un duetto riuscitissimo) e Vieni a vivere con me.

Luca Carboni - Napoli (6)

Luca parla poco – le prime parole, rivolte alle vittime della strage di Nizza e alla difficoltà di suonare dopo una tale tragedia, arrivano al termine del terzo brano- ma canta e sorride molto; gli unici vezzi che si concede sono la chitarrina giocattolo fucsia a tracolla, il giubbotto di pelle e gli immancabili occhiali da sole. Il concerto, che dà il via al Pop Up Tour estivo, scorre veloce, tra repertorio vecchio e nuovo, occhi lucidi per l’emozione, canti e balli. “Il futuro è stasera”, dice Luca: verrebbe quasi da credergli.

Dalila Giglio | Foto: Davide Visca

Autore

Qube Music

Qube Music

La WEBZINE dedicata alla MUSICA, frutto di sinergie tra editori, giornalisti del settore discografico, media e radio, che propone servizi punto di riferimento per la diffusione di contenuti musicali.