FREESTYLE News Recensioni

Look out Kid, OSAKA FLU

Non sono una banda criminale giapponese e neppure una comunità di recupero canina, ma sono un fottutissimo gruppo rock’n’roll

Non sono una banda criminale giapponese e neppure una comunità di recupero canina, ma sono un fottutissimo gruppo rock’n’roll”.

Basterebbe solo questa frase a far intuire cosa ci si può aspettare dalla band di cui andiamo a parlarvi: gli Osaka Flu.

Si tratta di tre ragazzi, Daniele Peruzzi, (31anni) chitarra e voce, Francesco Peruzzi, (28 anni) basso e backing vocal e Michele Casini (31 anni) alla batteria, che cantano e scrivono testi, rigorosamente originali, in inglese.

La band, dopo aver suonato live in tutta la Toscana, dando vita a performance intense senza mai risparmiarsi, ed aver preso parte al famoso festival Arezzo Wave, si è cimentata in una vera impresa: Il suo primo album ufficiale dal titolo “Look out Kid” (SofficiDischi / Audioglobe), che oltre ad essere ovviamente distribuito in tutti i negozi di musica, è disponibile da qualche mese anche in formato digitale su I-Tunes.

L’album si preannuncia veramente interessante e non delude le aspettative, anzi, lascia piacevolmente sorpresi.

Anticipato dal singolo “I Don’t Care If  It’s Right Or Wrong”, di cui è stato realizzato il video ufficiale presentato al Milk Party il 7 febbraio ad Arezzo, l’abum è composto da 14 brani scritti e ideati da Daniele Peruzzi, tutti caratterizzati da un sound graffiante, ispirato ad influenze musicali di vario genere, che spaziano dai Clash ai Ramones, con chiari rimandi al garage e al rockabilly degli anni 50.

“I Don’t Care If  It’s Right Or Wrong” descrive un ragazzo ritrovatosi a vagare ubriaco nel mezzo della notte, che evoca una ragazza facile con cui sfogarsi, senza neanche volerne conoscere il nome “I’ll be your man / and i don’t even wanna know your name”.

Le canzoni proseguono veloci, ad un ritmo serrato, descrivendo i diversi stati d’animo del ragazzo, il bisogno di ribellione e di evasione dalla monotonia, ma soprattutto la necessità di vedere l’amore con occhi nuovi. Il culmine, nonché finale dell’album (e della storia che ci viene raccontata di canzone in canzone), viene raggiunto con “Mental Suicide”, in cui il ragazzo ha ormai perso la fede, se stesso ed anche l’amore che desiderava “all I had, I’ve had it up to now I don’t care”. Gli rimane, però, un forte senso di libertà.

Quello degli Osaka è un approccio punk very british oriented, e l’intero album si mantiene sorprendentemente sulla stessa lunghezza d’onda, caratterizzato da  ritmo deciso e tiratissimo dal primo all’ultimo pezzo, con uno spiccato retrogusto vintage che pare essere, oggi più che mai, tornato in auge.

Ottimo esordio per questi ragazzi aretini che, speriamo, si possano fare strada nel mondo della musica.

OSAKA FLU “Look out Kid”, Label: Soffici Dischi, Distribution: Audioglobe

  1. Don’t Care If It’s Right or Wrong
  2. Million Miles Away
  3. Daylight Shining
  4. Alcohol and Cigarettes
  5. She’s a Terrible Queen
  6. Sixteen Tons
  7. Bloody Story of my Heart
  8. Bay of the Majority
  9. You’re Just Lying About Yourself
  10. The Ballad of a Little Fun
  11. Brawl, Shoplifting and Drugs
  12. All Night
  13. Surrender
  14. Mental Suicide

Autore

Qube Music

Qube Music

La WEBZINE dedicata alla MUSICA, frutto di sinergie tra editori, giornalisti del settore discografico, media e radio, che propone servizi punto di riferimento per la diffusione di contenuti musicali.