Live Report News

L’anteprima del Super Mei Circus a Roma: assaggio di musica indipendente, dal gusto forte

A Roma solo un assaggio, anche se piacevole ed interessante, con band giovani e non, senz’altro talentuose…

Villa Ada a Roma riapre le porte alla musica. Dopo la pausa dedicata alla comicità e al teatro, sul palco di Villa Ada Incontra il Mondo sfila una carrellata di nuovi talenti e gruppi emergenti per il SUPER MEI MUSIC, anteprima capitolina del festival dedicato alle etichette indipendenti che si terrà a Faenza il 3 e 4 ottobre, Prima Edizione.

Organizzato dal Mei in collaborazione con Exit Well, Diavoletto Netlabel, con il sostegno di ARCI e con la direzione artistica del Poppyficio, il Super Mei è una bella occasione per scoprire il fermento che anima l’industria musicale indipendente.

A Roma solo un assaggio, anche se piacevole ed interessante, con band giovani e non, ma senz’altro talentuose che si sono esibite scaldando un piccolo ma partecipe pubblico che si è raccolto sulle sponde del laghetto in questo settembre che sta volgendo le spalle al caldo vento dell’estate.

Generi disparati e stili differenti, per i 5 gruppi che si sono alternati nella serata e che in gran parte sembrano prediligere a quella nostrana, la lingua inglese, da sempre più “facile” e musicalmente approcciabile.

Apertura dal sapore elettronico melodico con i Lapingra. Cinque elementi sul palco, tastiere, drum machine, un violino e influenze che ammiccano al classico, compresa l’impostazione vocale profonda del cantante. Dalla marca “dream-pop” (come la definisce il gruppo molisano di nascita ma romano di adozione), si passa all’indie rock di ottima fattura com’è quello proposto dai giovani Indie Boys are for hot girls: le influenze sono tante, ma si riconosce una nota personale negli arrangiamenti e nelle scelte dei tre “guys” sul palco, Alessandro, Daniele e Luca(che fanno ballare anche me!). Un po’ come gli ElectricSuperfuzz, che con gli Indie Boys hanno condiviso già diversi palchi, ma si fanno riconoscere e distinguere, ognuno con la sua personalità.

E in una successione che sembra quasi musicalmente cronologica, dall’indie si passa al new wave degli Out of placeartifacts, band romana di sei elementi, con all’attivo due album frutto di un accurato e fecondo lavoro di arrangiamenti e orchestrazioni. A chiudere la serata è Rhò, al secolo Rocco Centrella, già noto per il suo peculiare stile folk elettronico, scelto da Ridley Scott per firmare la colonna sonora del suo nuovo documentario.

Insomma se queste sono le premesse, val la pena raggiungere Faenza per una immersione di gusto nel meglio della scena musicale indipendente italiana.

Sara Cascelli

Autore

Sara Cascelli

Sara Cascelli

Classe 1977 è giornalista pubblicista, laureata in Scienze Politiche. Ama la scrittura e la comunicazione. Collabora negli anni con diverse testate e magazine scrivendo prevalentemente di teatro, musica, eventi e realizzando numerose interviste. Si dedica contemporaneamente all’attività di ufficio stampa, dal teatro alla televisione e sperimenta l’esperienza radiofonica, tra web radio (3 stagioni su www.deliradio.it con Il Tè di Mezzanotte, e ora su www.mixcloud.it ), e FM (radio Manà Manà “38° Elemento”).