News

Intervista a Bruno Letizia, autore di Se Sei Vivo, Spara!

Bruno Letizia è nato a Roma nel 1981. Collabora come disegnatore per l’americana IDW (True Blood), Kawama (Icomics) e come sceneggiatore per les Humanoides Associées (Izunas) Come autore completo sforna H.E.R.O.I.N. per Verdenero edizioni e pubblica la storia breve Fall Of The Fortress su Clint Mag, la rivista made in U.K. di Mark Millar. Fonda, assieme a Giulio Antonio Gualtieri, Michele Monteleone, Stefano Marsiglia, Roberto Cirincione e Francesco Trentani, la Villain Comics: etichetta indipendente per la quale realizza le miniserie Se Sei Vivo, Spara!, Siouxie Fox e Le Città Invisibili. Collabora come insegnante dal 2010 con la Scuola Internazionale di Comics, dove insegna prospettiva, storytelling e inchiostrazione presso le sedi di Jesi e Pescara.

Bruno sarà ospite del Muso Festival a Oriolo Romano (VT), dove sarete liberi di porgli le vostre domande, ma per ora vi leggete la nostra intervista a questo bravissimo autore.

– Quando e come è iniziata la tua passione per i fumetti e l’illustrazione?

Ho imparato a leggere grazie ai fumetti, li ho sempre amati e non posso che continuare a studiarli in profondità.

– Cofondatore dell’etichetta indipendente Villain Comics, com’è nata l’idea e perché?

La Villain è stata fondata da sei giovani sceneggiatori legati dalla passione per il genere e per la drammaturgia popolare. Avevamo bisogno di uno spazio per raccontare e lo abbiamo creato, nella speranza di essere notati dall’editoria mainstream. Per la maggior parte di noi, ha funzionato e ora possiamo vantare collaborazioni con Bonelli, Star Comics o Humanoides Associées. Continuiamo però, ad autoprodurci. Non esiste esperienza altrettanto formativa e la consiglio a chiunque faccia parte del settore, in qualsiasi momento della sua carriera. Autoprodursi richiede molta dedizione e presenza, ma lavorare su ogni aspetto della catena produttiva da una consapevolezza del mezzo che permette di interfacciarsi al meglio con tutte le figure professionali del fumetto.

– Sei anche un docente alla Scuola Internazionale di Comics, come si sta dall’altra parte della cattedra?

È molto difficile. Quando ho iniziato a insegnare, ero molto giovane e ci ho messo un po’ di anni per interiorizzare un concetto fondamentale: Non si deve insegnare attraverso il proprio ego. Diventare insegnante è una trappola pericolosa. È un ruolo che da un determinato potere sugli altri e ci vuole tempo per imparare a gestirlo. Partecipare alla crescita degli alunni è una grande responsabilità, non solo per quanto riguarda il fumetto e i suoi aspetti tecnici, ma anche perché in quel momento sei spesso preso come esempio comportamentale. Bisogna mettere a disposizione la conoscenza, cercare di trascendere se stessi e le proprie opinioni su quale sia il giusto esempio da dare per permettere agli studenti di trovare la propria strada nel fumetto e, in certi casi, nella vita.

Ogni anno è una sfida che pone nuove problematiche e ci tengo a ringraziare la persona che maggiormente mi aiuta in questo percorso: Graziella Santinelli, la direttrice della sede di Jesi della Scuola Internazionale di Comics.

– Con chi ti piacerebbe poter collaborare in futuro?

Non ho particolari preferenze. Sarà quel che sarà, basta che sia divertente!

– Prescrivi un libro o un fumetto ai lettori della mia rubrica Literary Prescriptions.

La grammatica della fantasia di Gianni Rodari. Tra gli ultimi fumetti che ho letto, consiglio Da quassù la Terra è bellissima di Toni Bruno.

Grazie per la disponibilità Bruno!

Francesca Romana Piccioni

Autore

Francesca Romana Piccioni

Francesca Romana Piccioni

Classe 1985, nonostante una lieve forma di dislessia, ma grazie ad una volontà di ferro, impara a leggere precocemente. E’ ancora alle elementari quando una sua zia, al tempo Prof. di italiano, con il libro Fahrenheit 451 di Ray Bradbury prima, e con la trasposizione cinematografica di Truffaut poi, fa di lei una fissata del genere Sci-Fi e una nerd prima che l’esserlo diventasse di moda. Frequenta il Liceo Scientifico e la Facoltà di Medicina e Chirurgia, continuando a coltivare con tenacia la sua passione per la letteratura. Oltre ad aggiornare costantemente la sua già ricca collezione di libri, cinema, serie TV e scienza sono il suo pane quotidiano. Quando esce di casa, lo fa sempre con un libro in mano. Non si può mai sapere. Il tempo e il modo per leggere si trovano sempre.