Danilo D'Auria Live Report News Postepay Rock in Roma

I Negrita al Postepay Rock in Roma

La scaletta di questo tour prevede sia la presentazione di alcuni pezzi di “9”, sia una bella carrellata dei loro principali successi rock.

Una delle ultime date del Postepay Rock in Roma ha visto protagonisti i Negrita, in tour per presentare l’album “9”, uscito nel mese di marzo.

Pau e soci hanno sfornato il nono album in studio rivendicando le origini rock che li hanno contraddistinti negli anni ’90, origini che emergono dal brano “Poser”, in cui viene ricordato il vecchio modo di far emergere la musica rock, ossia iniziando a suonare in cantina. La scaletta di questo tour prevede sia la presentazione di alcuni pezzi di “9”, sia una bella carrellata dei loro principali successi rock. Insomma, la serata ci propone un viaggio che attraversa gli anni ’90, ad esempio con “Cambio” e “Mama Maè”, per poi passare al terzo millennio con successi come “Rotolando verso sud” e “Che rumore fa la felicità?”, fino agli ultimi singoli.

“Mondo politico” e “Poser” sono le prime canzoni eseguite in scaletta, e insieme riscaldano il pubblico romano. Pau infatti ringrazia dell’ospitalità “sempre bellissima” di Roma, e ci dedica: “In ogni atomo”. Il brano inizia senza basso, il quale entra dalla seconda strofa dando la potenza rock propria della canzone, e finisce con un tempo leggermente accelerato. Dopo “Brucerò per te”, è il momento di “1989”, brano che celebra l’unione della band e l’inseguimento del loro sogno ormai diventato realtà. “Radio Conga” invece ci riporta, ahimé, all’attualità, secondo cui se “qualcuno muore, pazienza siamo in tanti! Tragico errore, spariscono le prove…” e così si dà il mayday. Segue “Bambole”, pezzo del 2001 dal testo straordinario, malinconico e tagliente.

Il frontman dei Negrita è sempre più entusiasta dell’atmosfera creatasi, e definisce serate del genere come “cose da mettere nel cassetto”. Questa immagine ci riporta al tema dei sogni, presente in diversi testi della band toscana, ma soprattutto conduce a “Ho imparato a sognare”. L’esecuzione di questo pezzo mi trasmette le stesse emozioni di quando la ascoltai dal vivo per la prima volta 10 anni fa, ed è la canzone che per eccellenza viene sempre cantata da tutto il pubblico, nessuno escluso, il quale per pochi minuti si arma di accendini per creare la giusta atmosfera. Ieri sera erano complici anche la luna piena e le braccia aperte di Pau verso di noi.

Dopo una breve pausa, i Negrita rientrano in scena con “Il gioco”, il primo singolo estratto dal nuovo album. Con grande stupore riconosco l’intro di basso di “Magnolia”, canzone che dal vivo raddoppia le emozioni che trasmette. Si chiude con lo stesso e caratteristico giro di basso dell’inizio, e il pubblico anticipa “Mama Maè” alzando un coro. Inutile dire che la potenza di questo brano sia stata percepita talmente tanto da far decidere alla band di regalarci un altro dei loro capolavori: “Cambio”.

Il gran finale della serata è con “Gioia infinita”, in cui tutti ci auguriamo “pace, amore e gioia infinita”.
Per concludere, la presentazione della band: la precisione di Cristiano Dalla Pellegrina alla batteria, la potenza di Giacomo Rossetti al basso, le sonorità del maestro Guglielmo Ridolfo Gagliano alle tastiere, la chitarra firmata Mac di Cesare Petricich, gli assoli di Drigo (Enrico Salvi) e il calore della voce di Pau (Paolo Bruni).

I proiettori si spengono, ma l’intimità tra il gruppo e il pubblico non è del tutto finita perché i Negrita al completo rimangono ancora qualche minuto sul palco per cantare tutti insieme “Stand by me” di Ben E. King, intanto partita come sottofondo.

Giulia Parenti | Foto: Danilo D’Auria

Set List:

• Mondo politico
• Poser
• Baby I’m in love
• In ogni atomo
• Brucerò per te
• 1989
• La tua canzone
• Vola via con me
• Radio Conga
• Bambole
• Il libro in una mano, la bomba nell’altra
• Ho imparato a sognare
• Un giorno di ordinaria magia
• Que serà, serà
• Notte mediterranea
• Rotolando verso sud
• A modo mio
• Encore:
• Il gioco
• Che rumore fa la felicità?
• Magnolia
• Mama Maè
• Cambio
• Gioia infinita

Autore

Qube Music

Qube Music

La WEBZINE dedicata alla MUSICA, frutto di sinergie tra editori, giornalisti del settore discografico, media e radio, che propone servizi punto di riferimento per la diffusione di contenuti musicali.