FREESTYLE News

I fentanili, gli oppioidi che hanno ucciso le star

E’ il Fentanyl il responsabile di tante illustri dipartite; spesso prescritto agli artisti come antidolorifico per superare lo stress di live e performance…

Tante sono le star mondiali decedute recentemente, tutte legate da uno stesso tragico destino: un mix di depressione e uso di sostanze. In particolare, abuso di fentanili, oppioidi sintetici che si stanno diffondendo a macchia d’olio negli Stati Uniti, e non solo. Dati allarmanti, indicano infatti che anche l’Europa non è immune da una sostanziale diffusione di queste droghe potentissime; con un numero di decessi molto elevato sia in Svezia che nel Regno Unito, e con statistiche preoccupanti per Svizzera, Polonia, Ungheria e Germania.

Giusto per renderci conto, i fentanili possono essere 80 volte più potenti della morfina, 25-40 volte più dell’eroina, e si possono assumere sniffandoli, fumandoli, ingerendoli o tramite iniezione. Una vera bomba in grado di uccidere con una sola dose di pochi milligrammi, per non parlare del fatto che spesso, questi oppioidi, vengono assimilati in combinazione con altre sostanze stupefacenti che ne moltiplicano gli effetti devastanti; in particolare se associati a cocaina ed eroina.

La morte avviene soprattutto per arresto cardiaco o per crisi respiratoria acuta.

Sono le stesse sostanze che hanno portato sul baratro, stelle internazionali quali ad esempio Michael Jackson e Prince ed i cui effetti vengono alla luce solo recentemente, in quanto solo negli ultimi anni è emerso il problema dei fentanili, per troppo tempo considerati dei semplici farmaci anestetici.

Così, se gli artisti del passato, da Brian Jones a Jimi Hendrix, fino a Jim Morrison e Janis Joplin, morivano per abuso di alcol e droga (eroina in particolare), oggi è il Fentanyl il responsabile di tante illustri dipartite; spesso prescritto agli artisti come antidolorifico per superare lo stress di live e performance.

Un problema dilagante che si sta diffondendo come un’epidemia invisibile, perché questa tipologia di oppioidi sono difficilissimi da individuare e da catalogare, con decine di tipologie create artificialmente in laboratorio… molte delle quali non riconosciute dalla medicina ufficiale. Sono stupefacenti, che vengono, continuamente modificati a livello chimico dai trafficanti, che riescono ad immettere sul mercato varianti sempre nuove e di ardua individuazione, e che superano con facilità i controlli delle autorità preposte.

Autore

Qube Music

Qube Music

La WEBZINE dedicata alla MUSICA, frutto di sinergie tra editori, giornalisti del settore discografico, media e radio, che propone servizi punto di riferimento per la diffusione di contenuti musicali.