Live Report

I Cani a Pescara, i synth di Niccolò tra le stelle

Quasi alla fine del suo tour possiamo dirlo con certezza: Niccolò Contessa non è “Un animale strano” ma sicuramente una specie da palcoscenico.

Nella serata di ieri a Pescara la presenza della sua band è riuscita a catalizzare i tantissimi spettatori presenti al parco Villa de Riseis durante la Festa dell’Unità.

Il tour di quest’anno doveva rappresentare una consacrazione che senza dubbio è arrivata, anche grazie al disco Aurora.

Sul palco le atmosfere spaziali dell’ultimo lavoro de I Cani sono perfettamente rappresentate anche dalle immagini a tema proiettate; i vecchi pezzi a cui tutti i fan sono legati sono eseguiti con grande energia, da “Le Coppie” a “Lexotan”, canzone che chiude ormai da tempo le date del gruppo.

Il pubblico durante tutta la serata è più che esuberante, infatti ha portato la sicurezza a rinforzare, nel corso della serata, più volte le barriere per permettere ai pogatori seriali di agire in sicurezza.

 L’atmosfera, sarà anche merito della cornice è cosmica e allo stesso tempo piena di vita. La gente d’Abruzzo (che in questi anni ne ha passate tante) sospinge e riempie di speranza anche una canzone come Sparire, eseguita al synth solamente da Contessa.

ICani_DaniloDAuria (11)

Il leitmotiv della serata è sicuramente il cosmo, non solo perché è sempre presente nei pezzi de I Cani, in tutto il live ci sono dimensioni nascoste che vengono a galla e si mescolano con le emozioni dell’esuberante pubblico.

Un concerto de I Cani lascia tutti sospesi e in un certo senso innamorati. Contessa alcuni mesi fa aveva dichiarato a Rolling Stone la sua intenzione di voler fare, attraverso Aurora, un disco emotivo, agli sgoccioli del tour si può dire tranquillamente parlare di un’operazione riuscita non solo in studio ma anche sul palco.

Nel corso del tempo Contessa è migliorato sotto molti aspetti: dalla voce alla presenza sul palco. Quello che una volta poteva sembrare un giovane artista leggermente impacciato, ora è una delle nuove colonne della musica contemporanea del nostro paese.

I Cani ormai sono una realtà della musica contemporanea italiana e la solidità del concerto di ieri sera dimostra quanto questo progetto sia innovativo, provocatorio e ben riuscito.

 P.S. Al live reporter dopo la serata urge un ortopedico, visto che più volte è stato travolto dal pubblico, giustamente, iperattivo.

Scaletta Eseguita

  • Ultimo mondo
  • Questo nostro grande amore
  • Protobodhisattva
  • Wes Anderson
  • Le coppie
  • Hipsteria
  • Niente di Twee
  • Una cosa stupida
  • Calabi-Yau
  • Aurora
  • Il posto più freddo
  • Come Vera Nabokov
  • Post Punk
  • FBYC Sfortuna
  • Non finirà
  • Finirà
  • Sparire
  • Corso Trieste
  • Pariolini di 18 anni
  • Velleità
  • Lexotan

Gianluigi Marsibilio | Foto: Danilo D’Auria

Autore

Qube Music

Qube Music

La WEBZINE dedicata alla MUSICA, frutto di sinergie tra editori, giornalisti del settore discografico, media e radio, che propone servizi punto di riferimento per la diffusione di contenuti musicali.