Danilo D'Auria Live Report News

I Baustelle live a Eutropia

“Titoli di coda” la loro penultima data del tour di “Fantasma”

Bella serata ieri sera a “Eutropia Festival Città dell’Altra Economia”.

I Baustelle regalano quasi due ore buone, di musica rarefatta e convinta.

Si inizia alle dieci e mezza. Sul palco soli Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi al pianoforte, e il chitarrista Claudio Brasini.

Attaccano con “Il futuro”, “Nessuno” e “Radioattività”, e “I provinciali” (dall’album “La malavita”) “Cristina”, “Contà l’inverni”, “Monumentale” e “La morte (non esiste più)”.

Con l’alternanza delle voci di Bianconi e Bastreghi, che stupiscono il pubblico con un spettacolo di straordinaria grinta. Terminata la parte tratta da “Fantasma” i Baustelle passano a suoni più corposi con “La moda del lento”, dal secondo omonimo disco e ad uno sguardo rivisitato sui loro classici. Si aggiungono, poi, Ettore Bianconi (tastiere), Diego Palazzo (chitarra), Alessandro Maiorino (basso), Alessandro Minetto (batteria), Sebastiano De Gennaro (percussioni) e la sezione fiati composta da Roberto Romano e Paolo Raineri.

E’ la volta di “La canzone del parco” e “La canzone di Alain Delon”, come a dire che i Baustelle sono capaci anche di usare l’elettronica nella musica pop.

In versione riveduta vengono proposti anche “EN”, “Corvo Joe”, “Love Affair” e “Gomma”, sulle quali il pubblico canta.

Si finisce con “Le rane”, “La guerra è finita” e “Andarsene così”, ed infine a grande richiesta, il bis di “Charlie fa surf”.

Daniele De Sanctis | Foto: Danilo D’Auria

Autore

Qube Music

Qube Music

La WEBZINE dedicata alla MUSICA, frutto di sinergie tra editori, giornalisti del settore discografico, media e radio, che propone servizi punto di riferimento per la diffusione di contenuti musicali.