News Recensioni

I am free, Lateral Blast

I Lateral Blast rappresentano un’alternativa valida e stimolante per qualsivoglia tipo di fruitore musicale curioso ed onnivoro

DISCO: I AM FREE
BAND: LATERAL BLAST
LABEL: AUTOPRODUZIONE
ANNO: 2014

“”I am free” è il disco d’esordio dei Lateral Blast, uscito due anni fa. E’ un’autoproduzione.

Anche solo da un primo ascolto veloce, l’aggettivo interessante si rivela quantomeno riduttivo nei riguardi dell’intero lavoro: da subito si intuisce come le nove tracce presenti siano assolutamente nobilitanti nel rispettare l’alto compito della concretizzazione di un disco dalle sonorità composite ed eterogenee, nel quale il brano che sta in mezzo al precedente sfacciatamente prog e a quello immediatamente successivo, dal sound più dichiaratamente rock anni cinquanta, risulti amabilmente a proprio agio costituendo una delle cifre stilistiche del lavoro in questione: quella della realizzazione di un album già molto maturo e consapevole, che nonostante i sonori voli pindarici qua e là, non perde mai di vista proprio l’obiettivo di rispondere al concetto di disco.

Procedendo con un ascolto meno emozionale e più analitico, è possibile ravvisare come il titolo del primo pezzo, la title track, nonché il nome della band in questione, si prestino perfettamente a dichiararsi manifesto programmatico delle prese di posizione artistico-stilistico-musicali dei Lateral Blast, ossia proprio quelle di non prendere posizione: I am free, il brano apripista, è un ragguardevole climax sussurrato di sonorità che vanno da un recondito prog d’annata ad un pop-rock più moderno e caratterizzante, che inaspettatamente però ad un tratto subisce una decisa virata a favore proprio di un rock più sfacciato e aggressivo, suonato all’altezza delle aspettative.

È quindi così che Leonardo Angelucci (voce maschile e chitarra), Rosa Zumpano (voce femminile), Matteo Troiani (basso), Giorgio Teodori (chitarra) e Andrea Fabbrizzi (batteria), concretizzano un disco caratterizzato dalla squisita consapevolezza di non avere consapevolezza, rappresentato, come suggerito pocanzi, dal nomen omen della band: un’eruzione di sonorità poliedriche e sperimentali per l’appunto però laterali, che vale a dire sterzano di continuo fra tonalità, stili e tessuti uditivi diversi poggiando in realtà su un perno deciso ben saldo, che garantisce la continuità di cui un disco abbisogna affinché possa definirsi tale.

Testi in inglese originali e autentici ben si adagiano su basi musicali studiate e sapientemente precise, che ospitano suoni variegati che vanno da un folk-rock all’americana vecchia maniera a sonorità dichiaratamente più pop-moderne, il tutto con grande disinvoltura e abile maestria.

Si segnalano in particolare i brani: I am free, Let’s groove, Tarifa smoke, Linda.

I Lateral Blast rappresentano un’alternativa valida e stimolante per qualsivoglia tipo di fruitore musicale curioso ed onnivoro.

TRACKLIST “I AM FREE”:

  • I am free (6:55)
  • Let’s groove (3:49)
  • Valzer of death (7:27)
  • Tarifa smoke (4:10)
  • Unbelievable touch of the sky (4:54)
  • Hip Prog feat. Metrica (4:13)
  • My head is a jungle (5:41)
  • Nik’s dinner (2:42)
  • Linda (16:25)

NEWS:

Attualmente i Lateral Blast (la cui formazione attuale è: Leonardo Angelucci – voce, chitarra elettrica, Rosa Zumpano – voce, flauto traverso, Antonello D’Angeli – voce, chitarra acustica, Matteo Troiani – basso, Tommaso Guerrieri – batteria, percussioni e Alessandro Ippoliti – tastiere, keytar), sono impegnati in una serie di date di presentazione del loro nuovo disco in italiano, “La luna nel pozzo”. Per info: www.facebook.com/lateralblast oppure www.lateralblast.it

Francesca Amodio

Autore

Francesca Amodio

Francesca Amodio

Classe 1991, è una giornalista free-lance. Dopo la laurea in editoria e giornalismo, consegue un master in giornalismo e comunicazione specializzandosi nel settore dello spettacolo. Attualmente collabora con diverse riviste cartacee e online, occupandosi di musica, cinema e televisione. Per Qube Music cura la rubrica “Il Cantagiro del lunedì”, in cui settimanalmente alterna recensioni di dischi di ieri e di oggi.