News

Gianni Maroccolo e Claudio Rocchi: Vdb23/Nulla è andato perso

La profondità di un’opera che travalica ogni canone conosciuto della musica

Ci sono delle opere speciali, perle rare, e Vdb23/Nulla è andato perso di Gianni Maroccolo e Claudio Rocchi, appartiene certamente al genere.

Dopo una lunga attesa dovuta alla raccolta (crowdfunding) avviata per produrne le copie, il disco esce finalmente in via ufficiale, dopo una prima edizione limitata del 2013.

Una collaborazione unica quella dei due artisti. Maroccolo storico rappresentante dell’epopea del rock italiano, dai Litfiba ai CCCP, passando per Marlene Kuntz, CSI, PGR e decine di altri artisti, e Claudio Rocchi protagonista del rock psichedelico e del rock progressivo italiano.

L’ultimo album registrato da quest’ultimo prima di morire. Un album in cui si parla di rinascite e transiti, dove le sonorità distorte varcano i limiti del conosciuto, per approdare su territori nuovi e inesplorati. Psichedelia… lunghi abbandoni in un’atmosfera densa di luci e lampi abbaglianti, questo è Vdb23/Nulla è andato perso. 70 minuti di musica straordinaria impossibile da classificare.

Un lavoro sperimentale e difficile. Difficile anche all’ascolto per il neofita o per l’appassionato comune, destinato ad un pubblico attento, colto, pronto a cogliere la profondità di un’opera che travalica ogni canone.

Vdb23/Nulla è andato perso, rappresenta la tappa finale di uno studio lungo e complesso che ha appassionato e unito due personalità eclettiche, in grado di confrontarsi e creare qualcosa che rappresenta tutta la loro vita di musicisti, qualcosa che va oltre…

IL VIDEO

Autore

Qube Music

Qube Music

La WEBZINE dedicata alla MUSICA, frutto di sinergie tra editori, giornalisti del settore discografico, media e radio, che propone servizi punto di riferimento per la diffusione di contenuti musicali.