Auditorium Parco della Musica Live Report News

GERARDO DI LELLA “Roma Caput Musicae” @ Auditorium Parco della Musica

Dopo il grande successo dello scorso anno, l’Auditorium Parco della Musica di Roma apre le porte del 2016, precisamente quelle della suggestiva Sala Santa Cecilia, al tradizionale concerto di Capodanno suonato dall’orchestra del maestro Gerardo Di Lella. Un evento molto atteso dai romani ma non solo, nonché da diverse star del mondo dello spettacolo, della musica e della politica che come di consueto assistono in prima fila a questa rappresentazione musicale sui generis, speciale, coinvolgente e molto emozionante. Una magistrale orchestra composta da ben settanta elementi, la bravura e la verve del direttore Di Lella e la complicità di un’atmosfera affascinante emanata da una delle sale più belle dell’Auditorium romano, contribuiscono a creare quella speciale magia che incanterà il pubblico presente, snocciolata in ventinove brani che eseguiranno i temi musicali dei film del cinema italiano più famosi nel mondo.

Da Nicola Piovani, a Nino Rota, a Riz Ortolani, il maestro Di Lella e la sua mastodontica, eccezionale orchestra di professionisti, ripercorrono gli anni migliori del glorioso cinema italiano attraverso note famosissime che hanno fatto sognare gli spettatori delle sale di tutto il mondo. Dopo lo stacco iniziale di You never told me, il concerto ha inizio col solenne ed appassionante Inno Nazionale di Goffredo Mameli, per poi proseguire con le magiche note che vanno da La dolce vita a Romeo e Giulietta, da Otto e Mezzo a La Strada, da Per un pugno di dollari al valzer brillante de Il Gattopardo. Questo emozionante spettacolo sonoro ha il potere di catapultare lo spettatore/ascoltatore direttamente all’interno delle scenografie del film in questione, consentendogli un viaggio ad occhi aperti ed in punta di piedi sulle note che hanno contribuito a rendere grande il nostro cinema nel mondo. Tra le più avvincenti, indubbiamente la colonna sonora di Nuovo Cinema Paradiso, impreziosita, apposta per l’occasione, da un nuovo arrangiamento firmato da Andrea Morricone, figlio del grande Ennio e compositore anch’egli.

Una delle cifre stilistiche di questo concerto è senza dubbio l’istrionica personalità del direttore d’orchestra Di Lella, che sovverte amabilmente la figura canonica del direttore serioso e formale in favore di una rappresentazione della suddetta categoria più ludica e d’intrattenimento, complice qui anche la spiccata ed innata simpatia napoletana di Di Lella, che ingioiella di conseguenza la serata stessa con una nota di dinamismo ed ilarità, oltre a conferire utili introduzioni prima dell’esecuzione dei vari temi musicali. C’era una volta il west, Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, Amore Amore Amore, Il Tassinaro, la straordinaria partecipazione del maestro Stelvio Cipriani al pianoforte sulle note dell’Anonimo Veneziano, conducono meravigliosamente il concerto verso la sua conclusione, affidata alla colonna sonora de Rugido Do Leao. I capolavori di Federico Fellini, Sergio Leone, Francis Ford Coppola, Alberto Sordi, rivivono stasera in questo concerto dalle atmosfere magiche ed indelebili, che rendono questo spettacolo sonoro unico nel suo genere.

Francesca Amodio

LA SCALETTA:

  • You never told me (sigla)
  • Inno nazionale di Goffredo Mameli
  • Valzer di Natascia
  • Medley Amarcord
  • La Dolce Vita
  • Valzer del commiato Gattopardo
  • Lo Sceicco Bianco
  • Le notti di Cabiria
  • Fortunella
  • Il Padrino I
  • Valzer brillante Gattopardo
  • Romeo e Giulietta
  • Otto e Mezzo
  • Il Padrino II
  • La Strada
  • La vita è bella
  • More
  • Anonimo Veneziano
  • Gabriel’s Oboe
  • Per un pugno di dollari
  • C’era una volta il west
  • Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto
  • Nuovo cinema paradiso
  • Marcia di Esculapio
  • You never told me
  • Amore Amore Amore
  • Il tassinaro
  • Hello boys
  • Rugido Do Leao

Autore

Francesca Amodio

Francesca Amodio

Classe 1991, è una giornalista free-lance. Dopo la laurea in editoria e giornalismo, consegue un master in giornalismo e comunicazione specializzandosi nel settore dello spettacolo. Attualmente collabora con diverse riviste cartacee e online, occupandosi di musica, cinema e televisione. Per Qube Music cura la rubrica “Il Cantagiro del lunedì”, in cui settimanalmente alterna recensioni di dischi di ieri e di oggi.