Live Report

Elio e le Storie Tese a Francavilla, ironia 5.0

Tutto comincia e ritorna all’ironia durante un concerto di Elio e le Storie Tese. Ieri sera, a Francavilla al Mare (CH), il gruppo milanese ha sicuramente mandato in frantumi la massima dello scrittore francese Georges Bernanos: “So bene che l’ironia non ha mai toccato il cuore di nessuno”, infatti Stefano Belisari (in arte Elio) riesce a colpire in ogni modo a lui possibile tutti i presenti, che siano giovani o anziani.

Dopo il forfait dello scorso anno, il Piccoli Energumeni Tour sbarca in Abruzzo con un concerto gratuito.

Forte della popolarità acquisita nel corso degli anni, anche grazie a varie partecipazioni televisive in produzioni come X Factor, Elio e la sua band riempiono Piazzale della Stazione garantendo uno spettacolo a 360°.

La musica rimane sempre al centro, anche durante gli intermezzi offerti dal gruppo pieni di pura simpatia, intesa nel senso greco della parola ovvero (sympatheia), letteralmente “patire insieme/ provare emozioni”.

Uno dei protagonisti della serata è stato Luca Mangoni, collaboratore ormai da anni degli Elii, che pieno di energia impersona vari personaggi, dal finto Elvis ucciso dal Rock N’ Roll ad Angus Young durante “Il primo giorno di scuola”.

Le impressioni suscitate dal gruppo durante il live si espandono nel corso della serata a tutti gli spettatori, alla fine del concerto si ha come l’idea di appartenere ad un unico posto e quel luogo è rappresentato dall’esibizione stessa, che rimane assolutamente coinvolgente per tutta la sua durata.

Le canzoni scelte per la scaletta sono una celebrazione assoluta della storia e dei successi del  gruppo, già la scelta di partire con Servi della Gleba rende il live di un valore inestimabile e difficile da dimenticare.

Il ritmo del concerto non viene mai spezzato, neanche dai tantissimi intermezzi e siparietti, l’ironia 5.0 degli Eelst è stratosferica e sostiene tutto il live.

Gli Elii in Effetto Memoria cantano così: “Mi ricordo di un ricordo | spero che non me lo scordo | un ricordo di fanciullo | che mi dona sicurezza | e per non dimenticarlo | io mi alleno a ricordarlo”: probabilmente i presenti porteranno nel tempo il ricordo del 17 agosto del 2016 quando un gruppo ha reso una serata d’agosto in piazza un momento di festa per la musica.

Gianluigi Marsibilio

SCALETTA ESEGUITA

  • Servi della gleba
  • Il vitello dai piedi di balsa
  • Il vitello dai piedi di balsa reprise
  • Mio cuggino (outro con Heidi)
  • Ritmo sbilenco
  • T.V.U.M.D.B. (intro: O Mia Bela Madunina)
  • Discoteca svizzera
  • Pipppero®
  • Vacanza alternativa
  • Discomusic
  • Born to Be Abramo
  • Il rock and roll
  • John Holmes
  • Il primo giorno di scuola
  • Uomini col borsello
  • Parco Sempione
  • Supergiovane
  • Mangoni piano solo
  • Tapparella

Autore

Qube Music

Qube Music

La WEBZINE dedicata alla MUSICA, frutto di sinergie tra editori, giornalisti del settore discografico, media e radio, che propone servizi punto di riferimento per la diffusione di contenuti musicali.