News

CORTEX: Qube Music vi presenta in esclusiva il nuovo video

QUBE MUSIC vi mostra in anteprima il nuovo video di CORTEX: “Consumi Sprechi”

Il cantautore Triestino CORTEX torna in radio con un bellissimo mood sociale di grande impatto. Si intitola “CONSUMI SPRECHI” ed è il secondo estratto dal suo ultimo lavoro “Mi sento Indie in cui mette lo zampino anche il cantautore Alberto Bianco. Danza la letteratura di Cortex tra luoghi comuni e verità ormai fin troppo globali per poterle ignorare e lui sa farlo con quel suo gusto decisamente indie di comporre musica e lasciarci digerire con facilità testi tutt’altro che banali ma piuttosto diretti e assai ricchi di forza. Qube Music vi presenta in anteprima questo nuovo video che mette a nudo l’uomo e il suo consumismo moderno con momenti distorti e saturati da una parte e con una sequela di immagini tratte dal quotidiano incedere di questo mondo industrializzato. Un bel singolo che porta a casa riscontri lusinghieri di critica e di radio.

«Il nostro mondo è bellissimo: vantiamo una superficie di 510 milioni di metri quadrati, una popolazione stimata di 7,5 miliardi di individui, 62 dei quali posseggono più della metà della ricchezza totale, ci sono 424 conflitti in atto con 67 paesi coinvolti, in un anno produciamo 4 miliardi di tonnellate di rifiuti, e non contenti nella parte del globo più industrializzata buttiamo via una quantità pari ad un terzo delle nostre risorse alimentari perché in eccesso. Finalmente da poco anche l’Italia ha capito che sprecare il cibo è un errore che può costare caro al nostro futuro e dopo altri paesi europei finalmente ad agosto 2016 ha fatto una legge contro lo spreco di cibo». Cortex

GUARDA IL VIDEO:

Autore

Paolo Tocco

Paolo Tocco

Blogger e cantautore abruzzese doc, da anni si occupa di musica d’autore e cultura musicale a stretto contatto con le più importanti realtà giornalistiche del settore. Recentemente ha trasformato il suo disco del 2015, “Il mio modo di ballare”, in un libro assolutamente speculare all’album con 11 racconti per le altrettante canzoni, pubblicato da Tabula Fati Editore, con cui fa il suo esordio come scrittore.