Generation News

Buñuel, A Resting Place For Strangers

A Resting Place For Strangers, una delle novità più interessanti di questo 2016, anno che, discograficamente parlando, comincia bene

DISCO: A Resting Place For Strangers
BAND: Buñuel
LABEL: La Tempesta
ANNO: 2016

Prendi Xabier Iriondo, chitarrista degli Afterhours, prendi Franz Valente, batterista de Il Teatro degli Orrori, prendi Pierpaolo Capovilla, voce de Il Teatro degli Orrori, qui al basso, e prendi la voce storica degli Oxbow, quella di Eugene S. Robinson. Dopodiché rinchiudili in studio a registrare un disco e affida le cure del mastering e del missaggio a Giulio Favero: il risultato è A Resting Place For Strangers, una delle novità più interessanti di questo 2016, anno che, discograficamente parlando, comincia bene.

Questo perché, quando la caratura è quella degli artisti sopracitati, una follia del genere si può fare e il risultato è pure stratosferico. Il quartetto decide di chiamarsi Buñuel, in omaggio all’illustre regista spagnolo/messicano Luis, con cui le nove tracce che compongono questo album hanno in comune l’imprevedibilità, l’eccesso, l’esasperazione, la stravaganza, il caos sfranto ma che poi ritrova il suo senso: queste le cifre stilistiche di questo disco difficile da ingabbiare in un preciso genere musicale, tra sonorità che con nonchalance passano dal rock al noise, dall’elettro pop al punk.

Il voluto lascito di una sensazione di spontaneità e impatto è apprezzabile e piacevole, e fa sì che A Resting Place For Strangers sia un lavoro eterogeneo ma omogeneo nella modalità di fruizione, lasciandosi ascoltare con curiosità, interesse e fascinazione.

Impeto, atmosfere oniriche e impattanti e una realizzazione tecnica ineccepibile, sono ancora le caratteristiche dell’esordio discografico dei Buñuel, di cui a questo punto non possiamo far altro che attendere le future evoluzioni.

Francesca Amodio

TRACKLIST:            

  • Cold or Hot
  • This Is Love
  • I, Electrician
  • Jesus With A Cock
  • Dump Truck
  • Streetlamp Cold
  • Me + I
  • Smiling Faces Of Children
  • Whipsaw                                                        

Autore

Francesca Amodio

Francesca Amodio

Classe 1991, è una giornalista free-lance. Dopo la laurea in editoria e giornalismo, consegue un master in giornalismo e comunicazione specializzandosi nel settore dello spettacolo. Attualmente collabora con diverse riviste cartacee e online, occupandosi di musica, cinema e televisione. Per Qube Music cura la rubrica “Il Cantagiro del lunedì”, in cui settimanalmente alterna recensioni di dischi di ieri e di oggi.