Live Report News Villa Ada

Brunori a Villa Ada

Uno showman e un concerto intorno a un falò…

Se esiste un concerto che esprime l’estate, con i suoi sentimenti contrapposti, di eros e thanatos, di inizio e di fine è quello di Brunori Sas. Il più bravo e completo cantautore italiano degli ultimi anni.

Uno showman!

Brunori Sas e la sua band ieri sera a Villa Ada ci hanno fatto passare davvero una bella serata, di quelle difficili da dimenticare per le tante emozioni che sono riusciti a trasmettere. Gioia, lacrime, sorrisi, euforia, risate. Abbiamo vissuto uno sdoppiamento, triplicamento, quadruplicamento della personalità per assecondare le nostre emozioni e sensazioni. Ed insieme a noi, anche Brunori ha fatto la stessa fine.

Come ha detto lui a inizio concerto (vado a memoria): «Allora, stasera il concerto è suddiviso così: 1 ora e mezza di musica da lacrime e fazzoletti, poi un intervallo di 1 minuto e 30 di heavy metal (e l’hanno fatto davvero ndr), poi di nuovo musica strappalacrime e infine 30 minuti di parte gioiosa».

Le sue personalità quali erano? Erano sempre lui… è proprio questo che ci piace. Uno che sa farti ridere e un momento dopo farti piangere, che sa farti immedesimare in uno dei suoi tanti Poveri Cristi, in tutti e in nessuno; che sa farti pensare e non farti pensare a nulla: che allo stesso tempo ti lascia riflettere sulle tue difficoltà e guardare al futuro con speranza e ottimismo.

Un’improbabile fusione fra Fiorello (quando è in forma), De Gregori e il giudice Santi Licheri.

Incredibile ma vero, in questo miscuglio surreale tutte le parti prendevano il loro posto ed usciva fuori lui; un figlio del falò di ferragosto. Quando si condensano sentimenti di inizio, di maturità e di fine.

Tante le canzoni cantate in un’ora e mezza di concerto, dove Brunori ha concesso un ricco bis.

Le più apprezzate dal pubblico: ‘Kurt Cobain’, ‘Mambo Rivoluzionario’, ‘Italian dandy’, ‘Paolo’, ‘Lei, lui, Firenze’, ‘Una domenica notte’, ‘Fra milioni di stelle’. Se non conoscete Brunori scegliete pure a caso qua in mezzo e non ve ne pentirete. Aspettate ma fra queste ne manca una: ‘Guardia ’82’. Quando è partita ci si è abbracciati tutti quanti come intorno a un falò. Qualcuno aveva la chitarra, la suonava. Tutti gli altri cantavano.

Gabriele Edoardo Mastroianni

Autore

Qube Music

Qube Music

La WEBZINE dedicata alla MUSICA, frutto di sinergie tra editori, giornalisti del settore discografico, media e radio, che propone servizi punto di riferimento per la diffusione di contenuti musicali.