Interviste News

ANDREA MAESTRELLI: L’intervista al giovane cantautore toscano

Andrea Maestrelli già vincitore del Premio Lunezia 2014 nelle Nuove Proposte, si racconta “Scrivo di getto le mie canzoni e credo si sentano un po´ le influenze dei miei miti.”

Oggi conosciamo meglio Andrea Maestrelli, giovanissimo cantautore toscano che sta riscuotendo moltissimo successo.

Andrea Maestrelli già vincitore del Premio Lunezia 2014 nella categoria delle Nuove Proposte, sta avendo un ottimo riscontro con il brano “Holden” attualmente in rotazione radiofonica. Il singolo ha anticipato l’album “E’ Arrivato Remo”, prodotto da Davide Maggioni, etichetta Rusty Record e già disponibile su tutte le piattaforme streaming e in digital download.

Vogliamo far conoscere meglio anche ai lettori di Qube Music, questa nuova ed interessante promessa della musica italiana.

– Benvenuto ad Andrea Maestrelli nella nostra webzine.  Noi siamo davvero felici di poterti fare qualche domanda, perché siamo rimasti colpiti positivamente anche noi da questo splendido album e ci fa ancora più piacere sapere che sia farina del sacco di un ragazzo così giovane. A 23 anni sei riuscito a far germogliare i primi semi, ma raccontaci, quando e dove è iniziata la tua avventura con la musica?

Ciao Ragazzi. La mia avventura con la musica è iniziata non più tardi di 4 anni fa quando entrai nei 60 finalisti per Sanremo nella categoria delle Nuove Proposte. Era il 2011 e non avrei mai pensato che in seguito avrei scritto e pubblicato il mio primo Album.

– Come è nato “E’ arrivato Remo” ? E soprattutto chi è Remo?

È Arrivato Remo”  nasce con i primi brani scritti a fine 2013, poi piano piano si sono assemblati i pezzi del puzzle. Remo è un amico prima di tutto, una persona con cui collaboro e suono e artisticamente parlando mi ha dato moltissimo. Grazie a lui sono nati i concetti e le basi che hanno dato vita al disco. Essendo, Remo un tipo sarcastico e con la battuta sempre pronta, volevo dedicargli il titolo dell’album.

– Io ti confesso che ho adorato particolarmente il testo di “Siddharta“… anche se sono tutti “figli tuoi” c’è un brano di questo album a cui sei particolarmente affezionato?

Siddharta” è una canzone particolare a cui tengo moltissimo, come tutti i miei pezzi d’altronde. Per quanto mi riguarda il mio brano preferito è “Penny Black”, un testo non autobiografico ma inventato sul momento, cosa che col tempo, non mi farà mai pensare ad un mio stretto vissuto e quindi mi farà sempre riascoltare la canzone con piacere perché non sono coinvolto personalmente col testo.

– La chiave con cui affronti i tuoi brani, ironica e nello stesso tempo per molti aspetti già molto matura, sia a livello di scrittura che di contenuti, a noi sembra davvero una formula vincente… Da quali artisti hai tratto e trai più ispirazione?

Sono cresciuto con la musica di Carboni, Dalla, Bersani e De Gregori. Mi piace molto ascoltare la musica italiana, sono molto attento a come hanno scritto e scrivono i grandi cantautori. La mia formula vincente credo proprio che sia il poter ascoltare tanta musica e assorbirne i lati che essa riesce a dare. Scrivo di getto le mie canzoni e credo che si sentano un po´ le influenze dei miei miti.

– Abbiamo visto il videoclip di “Holden” (di cui abbiamo allegato il link a fine pagina), ti sei divertito ad interpretare tutte quelle versioni di te?

Si moltissimo, deve essere un biglietto da visita per chi volesse conoscermi. Essere me stesso e farmi conoscere in tutti i miei lati era la cosa migliore da fare e grazie agli FzeroPhotographers, i miei registi, ci sono riuscito.

– Adesso che hai accumulato un bel po’ di date live in giro per l’Italia puoi già fare un primo bilancio, tra euforia e inevitabile stanchezza cosa ti sta regalando l’esperienza del tour?

Posso dire che questo eterno movimento mi piace. Il dovermi spostare e conoscere le persone passo dopo passo, è molto importante. Sono contento di avere questa possibilità e fino a che potrò suonare in giro non smetterò mai. Artisticamente parlando mi dà modo di crescere e capire tutte le cose di questo mestiere.

– Finito questo periodo di promozione ci sono altri progetti in ballo? Tenterai la corsa a Sanremo2016?

Vorrei poter essere sempre in promozione e non pensare tanto a ciò che avverrà dopo perché adesso è tutto fantastico. Certamente proverò a partecipare a Sanremo2016, sono sempre stato affascinato dal festival e vorrei poter calcare quel palco un giorno.

– Prossimo singolo ?

Il prossimo singolo è “Bacco Tabacco” e nella prossima settimana gireremo il video con l’attore Alessandro Haber, per me è un grande onore conoscere e lavorare con uno degli attori più bravi del teatro/cinema italiano. È anche un musicista e quindi sarà una bella esperienza.

– Noi ti facciamo un grandissimo in bocca al lupo, grazie per la chiacchierata e a prestissimo.

Grazie a voi!!!

Marta Croce

Autore

Qube Music

Qube Music

La WEBZINE dedicata alla MUSICA, frutto di sinergie tra editori, giornalisti del settore discografico, media e radio, che propone servizi punto di riferimento per la diffusione di contenuti musicali.